Cucina , passione , amore per il mio compagno e mio figlio...

TORTA RUSTICA DOLCE SALATA CON FICHI E FORMAGGI



Amo questo frutto , e per consacrarlo gli dedicherei ogni giorno una ricetta diversa ,dall'antipasto al dolce .
Il periodo è talmente breve che a volte purtroppo , non ho abbastanza tempo per sfruttarne tutte le virtù..
Nella dispensa non dovrebbero mai mancare  marmellate di fichi e more , indispensabili ingredienti per una crostata dal sapore genuino e semplice .
La prima volta che mangiai un fico , è legata al ricordo dei parenti della mia tanto amata Cortona .
La domenica insieme  alla mia famiglia , eravamo soliti ,fare visita agli zii di Cortona .
Le loro case contadine , profumavano di pane appena sfornato e di ragù della domenica e incredibilmente  per ogni stagione , un profumo diverso ..
Si poteva sentire l'odore della passata di pomodori e basilico appena imbottigliata d'estate , odore di castagne scoppiettanti in Inverno ,cotte sopra la fiamma del grande camino , ai lati del quale noi bambini sedevamo sopra ruvide panche di legno , odore di pecorino e baccelli in Primavera e funghi in padella con tanta nepitella nei primi giorni dell'Autunno,e frutta ad ogni stagione che profumava come non ho  mai più sentito .
Oltre che al profumo ogni stagione è legata ai ricordi visivi e  dell'anima.
La piccola scala  a pioli di legno serviva , sia come rifugio per un dolce appollaiarsi di polli e  galline , sia per raggiungere la cima di ciliegi  , albicocchi e piante di fico .
Ma non c'era volta che puntualmente , nel salire gli scalini , scivolassi con il viso sopra la terra umidiccia schiacciandomi in faccia appunto uno dei frutti che era caduto dall'albero.
La lagna , che faceva seguito a questo episodio , si enfatizzava quando vedevo la mamma , che puntualmente mi riempiva di sculacciate perché avevo rovinato le calze nuove o piuttosto , sporcato il maglioncino di lana .
Non capivo , non capivo come si poteva infierire su una bambina caduta da una scala scivolosa in una campagna ostile a chi di campagna non conosceva niente o poco..
Capisco adesso , capisco i sacrifici della mamma , il suo sperare che le calze nuove durassero tutta una stagione , le sue preghiere perché non crescessimo tanto , almeno le maniche delle maglie non ci sarebbero sfuggite ..adesso capisco tutti i sacrifici dei miei genitori .
Li ho capiti presto , ed è per questo che ho cercato sempre di arrangiarmi nonostante lo studio , per non chiedere più di tanto al babbo.
Completamente immerso nel lavoro , per cercare di regalarci una vita dignitosa , una vita semplice ma senza tanti sacrifici per me , mia sorella e mamma  .Ricordo , quando le sere d'inverno tornava che era già buio , ed io in trepidante attesa del suo ritorno mettevo le mani sopra ad un calorifero acceso .
Diventavano rosse paonazze dal calore , ma non appena sentivo la chiave del babbo nella toppa della serratura , correvo ad abbracciarlo e soprattutto a prendergli le mani che tenevo gelosamente dentro le mie per trasmettergli calore.
Ho sempre pensato che l'amore , in fondo è poca cosa , non ha bisogno di gesti eclatanti o meravigliosi diamanti...l'amore è una cosa semplice  , come scaldare la mano a tuo padre o tua madre da piccolo  ,continuare a farlo da adulto con la persona del tuo cuore o  con un figlio o come un fico mangiato sul pane insieme ad un goccio di olio e sale ...

INGREDIENTI PER UNA TORTA DI CIRCA 24/26 CM

  1. pasta brisee , 1 rotolo 
  2. robiola , 140 g circa (2 quadretti)
  3. caprino , 80 g
  4. uova 1
  5. sale , un pizzico 
  6. timo
  7. miele 
  8. fichi , circa una ventina 



Stendete il rotolo di pasta brisee sulla teglia rotonda lasciando anche il foglio di carta da forno , nel quale è avvolta .
Bucherellate con i rebbi di una forchetta , e mettete da parte .

Intanto mescolate con una forchetta i due tipi di formaggio e aggiungete l'uovo sbattuto.
Con il composto , andate a riempire la torta livellando bene con il dorso di un cucchiaio.

Sbucciate i fichi e con un coltello tagliateli in quattro senza dividerli ma lasciandoli a forma di fiore .
Con questi ultimi andate a decorare completamente la superficie della torta sopra al formaggio precedentemente steso.
Completate con un pizzico di sale , timo , e un filo di olio .
Guarnite anche con un leggero filo di miele ed infornate a forno caldo , metà altezza a circa 180 gradi per una mezz'ora, controllando che il bordo della torta sia ben dorato prima di toglierla dal forno..
Togliete e servite calda come antipasto , ma anche come dessert insolito ..

BUON APPETITO 




Nessun commento

Posta un commento

Professional Blog Designs by pipdig